Igor

GRIGOLETTO

Igor Grigoletto ( Sanremo, 1972)  dopo  gli studi all’Istituto d’arte di Imperia prosegue la sua formazione nella sezione pittura dell’Accademia Albertina di Torino. Svolge parallelamente anche un’attività teatrale come scenografo per la compagnia teatrale “ l’utopia ovvero la filocomica” all’interno del teatro ARISTON di Sanremo. L’attività artistica si arricchisce anche della pratica artigianale seguendo un corso di lavorazione Tiffany del vetro che gli permette di progettare collezioni per complementi d’arredo ricevendo attestati come il premio ”Opasi”. Il richiamo della tela e dei colori lo riporta alle originarie passioni e così, nel 2018, riprende la ricerca utilizzando sacchi di yuta, fiscoli (sportine), reti e sculture in metallo.

Lo studio della linea, sotto ogni sua forma nasce dalla ricerca di segni, “lettere” che fuoriescono dalle superfici grazie ad incroci di tracciati sottostanti, trasformandosi in scritture asemantiche.

foto sopra: LEGAMI 2019 tela di yuta, acrilico e filo di cotone cm 80 x 80

IGOR GRIGOLETTO

serie LEGAMI –

tela di yuta, pittura lavabile, filo di yuta e lana, 2019

IGOR GRIGOLETTO

serie LEGAMI –

tela di yuta, pittura lavabile, filo di yuta e lana, 2019.

IGOR GRIGOLETTO

serie LEGAMI –

tela di yuta, pittura lavabile, filo di yuta e lana, 2019

iGOR GRIGOLETTO

GEOMETRIE, 2021

H 140 circa , ferro e filo di cotone  h. cm. 140

IGOR GRIGOLETTO

Serie SPORTINE

acrilico e filo di cotone intrecciato su “sportine” (diaframmi filtranti utilizzati nei frantoi) 2021, diam, cm 70

 

 

 

IGOR GRIGOLETTO

Sserie SPORTINE  

acrilico e filo di cotone intrecciato su “sportine” (diaframmi filtranti utilizzati nei frantoi) 2021, diam, cm 70

 

                                                                                                                                                   

Quella della riduzione del superfluo e dell’orpello “decorativo” è stato un punto fondamentale per poter liberare compiutamente la sua gestualità. Questo gli ha permesso non solo di concentrarsi su quelle risorse narrative più consone alle sue idee e considerazioni, ma anche di poter aprire la sua inventiva ad una

coralità di materiali che andassero oltre al più canonico binomio, nel quadro, costituito da tela-telaio. Il timore di non certificare l’assunto artistico del pittore proprio con il “quadro” ha ammesso tutte quelle “eccezioni” che sono diventate per lui regola fondante: ecco allora comparire sportine da frantoio, reti metalliche, tavole, vetro, forme metalliche, un insieme diverso di supporti che accolgono ogni minima variazione della sua azione artistica. In taluni casi poi lo sviluppo del colore ha abbracciato anche forme metalliche, minime e semplici, che hanno costituito la base per una serie di opere scultoree  (Matteo Galbiati)

selezione delle mostre recenti 

2022  TRENTO ART FESTIVAL                                                                                                                                                                                                           MARCH VERNICE ART FESTIVAL di Forlì                                                                                                                                                                                     CITY OF THE FUTURE, Villa Brentano – Busto Garolfo (MI) 

2021                                                                                                                                                                                                                                                    Mostra collettiva alla BOOMER GALLERY, 150 Tooley Street, London S E 1 2 T U                                                                                                             Vincitore secondo posto al concorso ART SHOW INTERNATIONAL GALLERY, “3° ABSTRACT”                                                                              BIENNALE LARNACA 2021, Cipro                                                                                                                                                                                                 Secondo premio “COPERTINA” della rivista BIANCOSCURO, concorso BIANCOSCURO ART FAIR                                                                              TRAME CONTEMPORANEE, Ambasciata della Repubblica Araba d’Egitto

 

 

 

 

 

website